My Venetian journey

My Venetian photographer journey. Febraio 2016.
Comincio cusì un altro capitolo de quel strano libro che ogni dun ze destinado, in una maniera o in un’altra, a scriver. Anche se sembra altroieri, ze dal lontan 2010 che fantasticavo ligandose al cuor sto tanto bramado (non savesi piu’ come definirlo) – progeto? Sogno? Intenzion? – de indormenzarse vardando oltra la finestra quele bele finestre che, ogni volta che caminando per Buie vecio o per Rovigno me fazeva tanto sospirar. Ma stavolta inveze, non se trata piu’ de sospiri partidi dal cuor e sofigadi nela mente ma, de una realtà che ancora stento a creder.

Perchè anche se ti setrasferisi sul serio a Venezia, ti ti vivi in un sogno anche da sveio; el triste giorno che andarò in pension e che le Nikon (podesi) cominciar ciapar polvere sul scabel, scrivarò un libro dedicado ala percezion che go gavesto fin dal primo giorno de questà city eterna.